Non ho tempo. Non ho voglia. Ho fretta. Fa freddo. Piove. Troppo vento. Troppo caldo. Ho il raffreddore. Ho la congiuntivite. Ho una gamba rotta. Il bimbo è lento. Il bimbo arranca. Devo cambiare le ruote. Devo gonfiare le ruote. Il pantalone non è adatto. Non ho il giacchino a vento. Mi si screpolano le mani. Non ho la crema adatta per il viso. Non sono allenata. Non sono capace (?). Ecco solo alcune delle scuse più ridicole che le mamme accampano per lasciare la bici in garage. Ah, dimenticavo. C’è tutto il pacco di scuse inerente alle città poco adatte alle bici e che non ne permettono l’utilizzo. Lasciamo passare le città con il 90% di pendio, ma per tutto il resto qualcosa in più si può fare. Allora mamme, visto che siamo proprio alle porte dell’inverno, non lasciamoci ammaliare dall’auto, non facciamoci crescere il sedere sul sedile della macchina, non permettiamo che i nostri bimbi diventiamo allergici all’aria del mattino, a una corsa prima di arrivare sui banchi. Tutte sappiamo benissimo che l’obesità infantile, non è solo una malattia, ma un problema sociale che non viene palesato ma tollerato in silenzio. Ma prima di arrivarci possiamo fare molto. Possiamo decidere di prendere una bici e abituarci ad usarla più spesso. E scoprire che non è poi così difficile farla diventare una nostra compagna è una loro compagna di gioco.

Lascia un commento

2017 - Mamma e Bici