Va bene il fascino di Romeo e Giulietta ma volete mettere il tepore delle terme? E voi direte: e cosa c’entra? Dopo tanti anni di viaggi, di gite a zonzo per l’Italia, ho scoperto che proprio vicino Verona, nemmeno a venti minuti si trovano le terme, nel cuore della Valpolicella, la famosa terra dei vini. Noi, tra un bicchiere di vino e un piatto di tortelli, abbiamo lasciato armi e bagagli all’Hotel Valpolicella International (a dieci minuti dalle terme e perfetto per chi vuole fare un soggiorno all’insegna del benessere) e ci siamo immersi ad Aquardens. Risultato? Un pomeriggio top, tra 11 piscine collegate tra loro alla bellezza di una temperatura che va dai 28 ai 38 gradi. E più è calda e più a noi piace. Capaci di rimanere a mollo per ore e ovviamente l’effetto post terme, poi, si sente tutto: praticamente in grado di fare nulla.

Come bimbi in un enorme parco giochi abbiamo cercato di provare ogni tipo di piacere: dal lettino idromassaggio, alle saune, al bar dentro l’acqua (che fa molto Caraibi) alla grotta bollente che per noi è diventata la Bat-caverna, soprannominata così dal cinquenne.

Ecco la nostra TOP 4 a misura di divertimento-bimbo:

  • River o fiume della corrente. Essere trasportati dalla corrente è molto piacevole e molto più facile. Una specie di gioco di “acchiappatela” contemporaneo in cui fare ginnastica senza accorgersi e divertirsi da matti, nascondendosi tra insenature e cespugli.

 

  • La Grotta della Fonte, soprannominata da noi Canyon. Rocce da cui schizzare acqua per buona pace degli altri ospiti. Acqua calda circa 37 gradi, però, dunque un po’ ci sentivamo meno in colpa. Si tratta di piccole montagne rocciose artificiali che compongono tanti piccoli laghetti in cui sgorga acqua dalla sorgente. Perfetta location per rilassarsi, in posizione un po’ appartata.

 

  • La Grotta dell’armonia o meglio Bat-caverna. L’abbiamo scoperta per caso, vagando come foche da una piscina all’aperto e una al chius0, da un idromassaggio all’altro. All’improvviso, delle voci che rimbombano e così non ce lo siamo fatti ripetere due volte. Eccoci a bagno in 35/36 gradi di pura acqua termale con sopra un cielo di stelle e il rumore dei getti d’acqua. Un mix perfettto di cromoterapia e musicoterapia.

 

  • A misura di bimbo. A disposizione delle famiglie unn’area bimbi (coperta nel periodo invernale e aperta nella stagione più calda) con scivoli e giochi adatti ai bimbi fino ai 7 anni. Inoltre il sabato, domenica e giorni festivi è attivo il servizio Miniclub.

P.s. Piccola chicca per i genitori. Non mancare assolutamente le Saune da Rito: si tratta di due grandi saune in cui praticare il famoso rituale Aufguss, accompagnati dalla musica e da essenze particolari.

La verità è che ogni pezzettino di questo fenomenale parco termale vale la pena di essere vissuto appieno, magari trascorrendoci un’intera giornata.

 

Consigli utili. Raggiungere questo stabilimento è molto semplice ma vi consiglio di soggiogante in un albergo lì vicino come per esempio Hotel Valpolicella International. Il parcheggio è gratuito e non avrete problemi a trovare la vostra sosta. Non dimenticate di portare con voi accappatoio, telo e ciabattine. La cuffietta non è obbligatoria.

Per tutti il resto fate un salto su www.aquardens.it e buon relax!

Lascia un commento

2017 - Mamma e Bici