Siamo partiti con le nuvole e siamo arrivati con il sole su una vista mare pazzesca sul Golfo dei Poeti. Perché la Liguria non delude mai. Questa volta ancora più delle altre. Il nostro lungo fine settimana primaverile in trasferta ligure ha fatto base, come prima tappa a La Spezia. Non in città (per quanto sia interessante questa cittadina) ma in un agriturismo nel bosco a due passi dal centro, il Golfo dei Poeti.

Una chicca incastonata, come del resto molti paesini di questa regione, in alta collina a 150 metri sul livello del mare, ovviamente con una vista pazzesca. Ammettiamo che raggiungerlo non è stato facilissimo: strada strettissima e dislivello da paura ma una volta in vetta gli occhi si riempiono: vista mare che si perde nell’infinito, circondati dalla campagna di ulivi e viti, il suono distinto delle campane di una chiesina vicino. Serve altro?

L’agriturismo ci ha subito affascinato: gli appartamenti sono il risultato di una ristrutturazione filologica di fabbricati seicenteschi tutti in pietra e tutti molto accoglienti. Noi avendo a disposizione tanta legna (la forniscono direttamente loro) ce lo siamo goduti appieno accendendo il camino (fuori c’è anche il barbecue), giocando a calcio nel nostro giardino privato e facendo colazione nel portico con vista mare. Insomma, perfetto se viaggiate in famiglia o con gli animali domestici. Per i bimbi è il massimo della libertà e del gioco all’aria aperta e per i genitori la tranquillità di averli sempre sottocchio visto che gli appartamenti hanno il loro cancello privato.

Non solo. Per i più piccoli il relais si trasforma anche in fattoria didattica con poiane, volpi, oltre 30 caprette, pony, asini, maiali, cinghiali e tante varietà di uccelli. Un vero spasso, considerando poi che allo stato selvaggio potrete trovare tassi, poiane e cinghiali. Il tutto curato e seguito dalla proprietaria Daniela che grazie alla sua passione per gli animali e la natura porta avanti un’attività che per lei non è di certo solo economica. E’ lei che controlla gli animali, segue la smielatura, la vendemmia e la raccolta delle olive. Da tutto questo lavoro ne nascono poi prodotti unici di cui è rivenditrice (vi consiglio il miele millefiori con propoli naturale e il vino della  loro cantina) e un’accoglienza verso i clienti difficile da trovare. 

Noi, per una questione di meteo, non ci siamo potuti immergere nella piscina a sfioro da cui si gode tutto il panorama de La Spezia e del mare. Immagino che d’estate sia presa d’assolto. Se poi volete rimanere nei paraggi e non avete voglia di prendere la macchina, e magari vi va una pizza, la signora Daniela offre pranzo e cena a domicilio in convenzione con il ristorante vicino il relais. Un servizio davvero comodo se volete godervi appieno il relax.

Da qui è un attimo raggiungere le Cinque Terre (vi consiglio di farlo in treno lasciando l’auto nel parcheggio vicino la stazione) ma ancora prima Portovenere (15 minuti in auto), meno famosa, forse, ma di una bellezza travolgente. Io me ne sono innamorata: non tanto per le sue casette colorate (quelle le vedete anche altrove) quanto per la forza con cui questo paese si è aggrappato al mare con l’antica chiesa di San Pietro eretta nel 1198. Da qui la vista è davvero mozzafiato. Di fronte, se volete farvi un giro in traghetto, l’isola di Palmaria con le sue 36 grotte di Byron. Inutile poi che vi dica altro di monumenti, la bellezza è anche nelle sui vicoli, nei baretti nascosti, nella lunga passeggiata che la costeggia e nella soffice focaccia ligure. Fidatevi, non potrà deludervi!

 

 

 

PER MAGGIORI INFO:

Agriturismo Golfo dei Poeti

Via Proffiano, 34 – La Spezia

www.agriturismogolfodeipoeti.com

Lascia un commento

2017 - Mamma e Bici