Mi permetto di scrivere questo articolo dedicato a Rovigno, tutto d’un fiato, solo dopo una bella dormita, una lavatrice e tante foto già scaricare nel pc. E su quest’ultime non so davvero come fare, ne ho talmente tante, tutte di una luce immensa, che ognuna è un quadro d’appendere, almeno per il lungo inverno. Sono tornata da poco ore, dopo una full immersion croata: Cesenatico-Rovigno, andata e ritorno in giornata, con l’aliscafo veloce che, in poco meno di tre ore ci fa sentire in terra straniera. Un’esperienza unica nel suo genere, mai fatta prima e strepitosa per tutti gli amanti del mare. Perché se è vero che l’Adriatico è quel che, qui la prospettiva è un’altra.

 

Nulla a che vedere con quello che noi riminesi siamo abituati a “trattare”. Colori di un altro mondo, calette e angoletti che fanno tanto ricordare la Sardegna. Qui il mare è trasparente, c’è poco da fare. La costa alta e frastagliata non è una passeggiata per chi non sa nuotare o per i bimbi ma volete metter il brivido di un tuffo… A Rovigno, almeno in tutta la penisola, non ci sono spiagge sabbiose, e dunque l’unica possibilità è stare sugli scogli o in spiagge piccole con ciottoli, come Punta corrente, la baia Kurent e Capo Montauro, situata a 1,5 km dal centro città. 

 

La più vicina per chi si muove a piedi è la baia Lone è una delle spiagge più frequentate di Rovigno e forse la più accessibile con i bimbi.

Ma prima di buttarvi nell’acqua più blu , vi consiglio due tappe fondamentali.

La prima è il giro turistico di Rovigno, un borgo antico che di certo vi catturerà per la sua storia e i suoi angoli bucolici in cui il mare la fa sempre da padrone. Non ci vorrà molto per capire la grandezza di questa località: tutto ruota attorno alla chiesa di San Eufemia per poi svilupparsi in vari quartieri dedicati ai santi. A noi è piaciuto particolarmente quello di Santa Croce, tra viuzze a picco sulla costa e locali aperti notte e giorno. E infatti la seconda tappa è proprio fermarsi in uno dei tanti “baretti” nascosti dietro gallerie e stradine che celano il mare. Vi consiglio vivamente, nel quartiere di Santa Croce, il bar Mediterraneo: un angoletto quasi improbabile, neanche ci fareste caso se non fosse per il fatto che nasce sulle rocce e su quelle, all’ora del tramonto, non si può non fermarsi per un aperitivo vista mozzafiato. In realtà tutta Rovigno è pittoresca, che sia la zona del porto o quella più vivace del mercato orto-frutticolo, l’idea è quella di una cittadina moderna che nel tempo è diventata professionista nel settore dell’accoglienza-slow.

CONSIGLI UTILI per chi desidera imbarcarsi. Se volete trascorre una giornata in Croazia due sono in porti che programmano partenze nelle varie località turistiche croate, Cesenatico e Pesaro. Noi ci siamo appoggiato a GOMOVIAGGI per i biglietti e in realtà quest’agenzia organizza veri e propri pacchetti all inclusive per rimanere più di un giorno.

 

Nello specifico la partenza per Rovigno da Cesenatico è alle 7.30 e basta arrivare un po’ prima per prendere posto. Ricordatevi di portate con voi la carta d’identità, sarà fondamentale per i controlli sia all’andata che al ritorno. Il traghetto è piuttosto grande e per tre ore vi sembrerà di stare in treno e non in barca. Dunque, perfetto anche per chi soffre di mal di mare. Sull’imbarcazione troverete anche il mini bar sia per la colazione che per la cena.

 

Rovigno conta circa 14mila abitanti e si trova nell’Istria sud-occidentale, in mezzo a tante altre isolette verdi che compongono un arcipelago molto interessante da visitare con appositi battelli. La sua moneta, nonostante sia già nell’Unione Europea, è la Corona: un Euro, più o meno, equivale a sette Corone. In giro ci sono molte agenzie di cambio dunque non preoccupatevi di farlo prima. E poi, tutti o quasi, parlano italiano senza problemi e per qualsiasi cosa troverete qualcuno pronto a darvi una mano. Almeno per noi è stato così.

 

Rovigno per bimbi. Come vi dicevo per raggiungere spiagge basse e più comode è necessario allontanarsi dal centro città. In alternativa alla spiaggia la parte storica offre un nuovissimo playground, proprio vicino al mercato della frutta e della verdura. Ovviamente tutto vista mare. 

 

Per saperne di più www.gomoviaggi.com 

Lascia un commento

2017 - Mamma e Bici